Francesco Toni

Indimenticato sindaco di Pistoia e successivamente parlamentare della Repubblica, di cui nostro padre fu amico e mentore.

Anche Francesco Toni partecipò alla resistenza pistoiese; inizialmente fece parte con Silvano Fedi del gruppo dei comunisti libertari,  ma tra la fine del 1943 e l’inizio del ‘44 si distaccò dal gruppo, con un avvicinamento al PCI anche grazie ai rapporti di stima ed amicizia del Toni con nostro padre. Questi rapporti  si protrassero fino alla morte di Dino nel 1976.

“… Tra la fine del 1943 e l’inizio dell’anno seguente infatti, come ricorda lo stesso Toni (Francesco) si verificò “un certo distacco  del gruppo del Bottegone dal gruppo dei comunisti libertari sul piano dell’organizzazione(…).  Il nostro gruppo entrò in contatto col PCI ed entrò a far parte della sua organizzazione, io in particolar modo, per l’amicizia che avevo con Dino Niccolai, a seguito di un incontro, che francamente adesso non posso precisare assolutamente quando avvenne, ma mi sembra a cavallo fra il 1943 e il 1944, che ebbi con lui dalle parti di Lucciano… “[Verni, 1975, 77]
Annunci